Post

Visualizzazione dei post da 2018

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

       Foto di Massimo Lupidi
       "Tra cielo e terra"

Confine
Verde è la vita, rosso il pericolo,
Ma è anche quello
Che cercano molti.

Il confine
Tra due opposte emozioni
È così fine che sembra inesistente.

Un ponte immaginario
Unisce due significati...
Troppo instabile,
Per studiarli a fondo.

Dal basso in ogni caso
Si deve partire
Per raggiunere una vetta
Non ancora esplorata.

Ci si guarda intorno
E si vede un mondo
Diviso a metà,
Una parte cade e l'altra risale.

Tra burroni e ossidiane
Un'alta montagna
Attende un futuro incerto e difficile.

Lorenzo Toscani

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

        Foto di Massimo Lupidi
        "Tra cielo e terra"

Oceano 
Onde blu Mare mosso e profondo
Come i sentimenti più nascosti
Scogli emergono come emozioni
Che dentro non riusciamo a tenerci.

Arianna Raviele

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

       Foto di Massimo Lupidi
       "Tra cielo e terra"

Lui
Su un soffice manto nevoso
Sorge immenso e maestoso,
Aggregato di rocce antiche,
Sovrasta l'infinita piana.

Oggetto di miti e di leggende,
Di lui parla la gente,
Dimora di un immenso gigante
E della pietra da cui discende.

Giovanni Sacchi

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

        Foto di Massimo Lupidi
        "Tra cielo e terra"

Visioni
Lieve collina
Siamo noi ragazzi,
Con le nostre ambizioni,
I sogni
E la voglia di crescere,
Fino a toccare le nuvole.

Grande roccia spigolosa
Siamo sempre noi,
Non più ragazzi ormai,
È passato del tempo,
Le nostre ambizioni
Sono calate
E toccare le nuvole
Sembra pressoché impossibile.

Davanti a noi,
Ancora un lungo cammino,
Sempre a testa alta
E senza mai voltarsi indietro.

Viola Prisco

PASSAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

        Foto di Massimo Lupidi
        "Tra cielo e terra"

Silenzi al tramonto
Cielo e spiaggia
Silenzio e tranquillità
Pace e calma
Ghiaccio e acqua
Bellezza e felicità
Gioia dell'anima.
Fuori sembro calma,
Come un mare senza onde,
Ma dentro sono fredda,
Fredda come il ghiaccio
Che ho dentro i miei pensieri.

Melodie Astemio



PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

    Foto di Massimo Lupidi
    "Tra cielo e terra"

Orizzonte Viviamo tutti sotto lo stesso cielo, Ma non tutti abbiamo il medesimo orizzonte, Là dove cielo e mare Si congiungono, L'infinito si apre, Ma pare irraggiungibile, Riflesso divino dell'immensità Nelle acque del mare.
Quel mare così infinito ed umile Da prostrarsi ai nostri piedi, Senza perdere mai la sua grandezza, Così vicino da poterlo Addirittura toccare.
Come si fa a spiegare il mare A chi lo guarda e vede solo acqua... Il mare è una culla azzurra, Con soffitti di cielo, La sua vista non ha prezzo, Perché ha la stessa intensità  Di una rinascita.

Christian Vincenti 

PAESAGGI DELL' ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...
Foto di Massimo Lupidi "Tra cielo e terra"
Aurora boreale Aurora Boreale,
Un momento di pace, Dove tutto tace… Il sole sorge, Il freddo preme... La sua Bellezza stupisce.
Marco Castelli

PAESAGGI DELL' ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda...

       Foto di Massimo Lupidi
       "Tra cielo e terra"


L’immensa felicità La felicità, a volte, è dove c’è la solitudine. Dove non c’è nessuno a fare rumore, Dove c’è il sole a illuminare E a rallegrare i tuoi pensieri… “Non restare piccolo, diventa grande e maestoso Come l’oceano.”
Stefano Mazzola

PAESAGGI DELL' ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda con i colori di Massimo Lupidi... e con le poesie della classe 2F del Bonfantini.


Foto di Massimo Lupidi
       "Tra cielo e terra"


Divagazioni… L’acqua scorre veloce e impetuosa, La natura è in silenzio Per udire quella dolce melodia. Quella terra portatrice di miti e leggende, Per chi sa ascoltare, Racconta segreti e vicende, Paradiso di misteri… Qui i più oscuri pensieri risplendono. Terra donatrice di miracoli Per chi sa chiudere gli occhi E accendere il cuore.

Giulia Todaro

PAESAGGI DELL' ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda con i colori di Massimo Lupidi... e con le poesie della classe 2F del Bonfantini.
  Foto di Massimo Lupidi "Tra cielo e terra"
Acque selvagge Le acque del fiume si scontrano in mezzo alle rocce, Con una fortissima potenza, E a gran velocità. Il colore grigio perlato delle rocce Riflette nell’acqua Uno specchio di tranquillità. Il profumo dell’acqua gelata Si dissolve nella serenità dell’attimo.
Matteo Stagnoli

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda con i colori di Massimo Lupidi... e con le poesie della classe 2F del Bonfantini.
                     Foto di Massimo Lupidi                       "Tra cielo e terra"

Acqua Acqua, Libera e leggera, Scorri calma tra le rocce, Scendi elegante con le tue cascate, Raggiungi leggiadra Il tuo dolce mare. Ed io rimango a bocca aperta Davanti a tanta bellezza.
Greta Buratto

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda con I colori di Massimo Lupidi... e con le poesie della classe 2F del Bonfantini.

   Foto di Massimo Lupidi
   "Tra cielo e terra"


Legame sottile ​E ora son lì, Sospeso tra morte e vita, Mai stato vicino così Ad una cosa che pare finita.
Tutt'intorno tace, Sorretto da quel filo solo, Che è più che audace A tenermi lontano da quel lungo volo.
Simone Leonardi


Sole di brughiera E’ in questo cuore ghiacciato che mi fermo E non riesco ad andare avanti, Uno spiraglio di luce mi chiama, Ma questo freddo mi ha bloccato.
Andrea Foddis


Ghiaccio Ghiaccio freddo come la notte, terribile come un mondo immerso nel vuoto. Dai colori, a volte spaventosi, a volte stupendi. Ghiaccio pericoloso suggestivo meraviglioso, come una creatura dolce che all’improvviso attacca con tutta la sua forza.

PAESAGGI DELL'ANIMA

Immagine
Sognando l'Islanda con i colori di Massimo Lupidi... e con le poesie dei ragazzi della classe 2F del Bonfantini.




Iceland Mi ritrovo qui da solo, In questo vuoto silente. Su queste lastre prendo il volo, Perso nella mia mente. La luna emerge nell’oscurità, Non creando alcuna felicità. Riccardo Lazzarini



Equilibri provvisori Ombra luce Guerra pace Bene male Opposti In conflitto Uniti Da un sottilissimo filo Perché soli non potrebbero esistere. Michele Poletti

NOTTI

Immagine
Nella notte stellata di Van Gogh si genera una vertigine cosmica che si apre sul mistero dell'universo. Il blu del cielo ci immerge in una dimensione spirituale e in una pace contemplativa, vortici luminosi infondono d'un fantastico incanto il paese dormiente, ignaro dello spettacolo che si sta compiendo, solo la punta d'un alto cipresso proteso sfiora la bellezza sospesa della notte. Francesca C.,  Angela Panigoni

NOTTI

Immagine
Ci sono diversi tipi di notte, le notti artificiali, quelle di città: notti frenetiche, pulsanti di ombre erranti in cerca di paradisi evanescenti, notti buie, avvolte nelle tenebre, notti dove non si vede la notte. Poi ci sono le notti "selvagge", che pochi vivono, ma tutti sognano... quelle notti vere con il firmamento che sovrasta il paesaggio in luoghi isolati, sconfinati come deserti, lande, steppe che dilatano lo sguardo o tra cime solitarie innevate, giganti naturali che innalzano il nostro pensiero fino a dissolversi in un monologo interiore. Alessandro Colombo, Angela Panigoni

RITROVARSI IN UN DIPINTO

Immagine
Immergersi in questo dipinto per perdersi e ritrovarsi...
Il ciclo della vita è scandito in quest'opera: al centro della scena domina l'albero con i suoi rami dorati, che si intrecciano in dolci geometrie, espandendosi fino ad unire da un lato la figura femminile, in attesa di un evento che dia un senso all'esistenza e dall'altro l'abbraccio inclusivo di due esseri, che amandosi confermano ancora una volta la volontà di vivere. Il tutto in una dimensione fantastica, che continua ad avverare la favola umana. In questo universo colorato una sola ombra tra la trama dei rami si annida tacita, come tra le intersezioni della nostra esistenza, aspetta il momento, ma noi non ce ne curiamo, abbagliati dalla magia dorata che ci avvolge.    

Elias E, Andrea D, prof.ssa Angela Panigoni
Immagine
Vi aspettiamo numerosi!!!

RITROVARSI IN UN DIPINTO

Immagine
Il bacio di Klimt racchiude in sé il mistero dell'intimità amorosa. Nel dipinto sono raffigurati due amanti stretti tra loro, su uno sfondo luminoso e scintillante, quasi irreale. Avvolte in tuniche impreziosite da decori pregiati dal sapore antico ed orientale,le due figure poggiano, in una atmosfera quasi sognante, su un prato fiorito. Il dipinto è "pregno" di significati sull'amore. Il primo è  celato nel loro stare avvinghiati fino ad essere una persona sola... perché in fondo questo è l'amore. Il secondo è dato dalla luce che emanano tale da far sbocciare i fiori del prato...perché in fondo è questo l'amore. Il terzo è contenuto in quel bacio, dato sulla guancia dell'amata, nell' attesa di un totale abbandono... perché in fondo è questo l'amore: attesa di felicità nell'incontro di due esseri. Daniele G. 3F

TRA I VERSI DI PESSOA

Immagine
Luce e ombra, ansia d'infinito.

Un'occasione per parlarne. .. tra di noi.



Spiraglio

Nei miei momenti oscuri
In cui in me non c'è nessuno,
E tutto è nebbie e muri
Quanto la vita dà o tiene,

Se, un istante, alzando la fronte
Da ove in me atterrato,
Vedo il lontano orizzonte
Pieno di sole occiduo o sorto,

Rivivo, esisto, conosco;
E, ancora che sia illusione
L'esteriore in cui mi oblio,
Nulla più voglio e chiedo:
Gli consegno il cuore.
Fernando Pessoa



Nei momenti bui, quando non vogliamo più bene nemmeno a noi stessi e dentro ci sentiamo vuoti, senza speranze e sogni, il poeta ci invita ad alzare la fronte e guardare l'orizzonte per rinascere, anche solo per un'illusione. Michele Po. 2f

In ogni momento difficile, quando la disperazione e la solitudine ci attanagliano, guardando avanti e puntando l'orizzonte si troverà "speranza",.. la speranza che tutto passi in fretta. Allora si è pronti "a consegnare il cuore", appena si vede uno spiraglio di luce. È in quel…

LIBERE ASSOCIAZIONI

Immagine
Da alcuni versi di Fernando Pessoa sono derivate libere associazioni di pensieri, in  un colloquio sommesso, dove poesia e vita si specchiano in cerca di solidarietà nel vivere e nel sentire... A. Panigoni

ODE

Per essere grande, sii intero: non esagerare
E non escludere niente di te.
Sii tutto in ogni cosa. Metti tanto quanto sei
Nel minimo che fai,
Come la luna in ogni lago tutta
Risplende, perché in alto vive.

F. Pessoa


Bellissimo aforisma! Essere se stessi sempre nella vita, mettere qualcosa di proprio nelle azioni quotidiane, ma soprattutto non cambiare Mai. Se sei persona di qualità, la tua qualità apparirà in ogni tuo pensiero, in ogni tua azione. Viola Pri. 2F
Non bisogna escludere niente di noi, essere se stessi, per essere qualcuno. Lorenzo To. 2F
Vivere pienamente, mettendoci tutto anche nelle piccole azioni, andando oltre ogni cosa. Simone Leo. 2F

Noi per essere grandi dobbiamo superare noi stessi, andare oltre ogni nostro limite, non dobbiamo escludere niente, perché ogni momento è important…

DEDICATO ALLA POESIA

Immagine
"... dico addio
Ai miei versi che partono verso l'umanità ... Questo è il destino dei versi. Li ho scritti e devo mostrarli a tutti Perché non posso fare il contrario
Come il fiore non può nascondere il colore,
Né il fiume nascondere che scorre,
Né l'albero nascondere che dà frutti...


Chi sa chi li leggerà?  Chi sa in che mani andranno?....


Andate, andate da me! Passa l'albero e resta disperso nella Natura.
Appassisce il fiore e la sua polvere dura per sempre...

Passo e resto, come l'universo."
F. Pessoa


Con questi versi vorrei rendere onore alla poesia che ci accompagna nella vita, senza la pretesa di rivelazioni straordinarie, dando voce ai nostri silenzi e facendoci sentire meno soli. Coglie nell'attimo l'essenza irripetibile dell'esistenza.
A.Panigoni




A PROPOSITO DI GRANDE ONDA

Immagine
La grande onda, per me, è  la forza imponente della società che ci sommerge e ci controlla. Mi sento come un pescatore, alla deriva, in attesa d'essere ingoiato dal sistema che domina le vite degli uomini. Io, misero pescatore, non posso far nulla contro l'impeto travolgente e distruttivo dell'onda, che è  pronta a spazzare via chiunque opponga resistenza. Il monte Fuji, d'altra parte, è una presenza spettacolare, una rappresentazione simbolica di tutto ciò che amo in questa vita, una sorta di spiraglio di luce, in un mondo di oscurità. Ecco allora che m'immedesimo  in un uomo che non può più  nulla contro una società,che deve solo accettare, altrimenti verrà schiacciato dalla sua imponenza, non potendo fare altro che soccombere all'inevitabile. Lorenzo Sp. 3^F


Il messaggio principale che vuole comunicare Hokusai è  chiaramente un inno alla forza della Natura. Una forza, che l'uomo sfrutta in ogni momento, per ricavare energia, per produrre cibo, per costruire e…

RITROVARSI IN UN DIPINTO

Immagine
Un'onda immensa, sorprendente, minacciosa domina la scena, pronta a travolgere tre barche in balia dei flutti, quasi ignare del pericolo imminente.
Sullo sfondo il monte Fuji, dalla cima innevata, che si confonde con la schiuma del mare ruggente.
Oltre al blu, alle spalle del monte, un cielo colorato di scuro, la notte lascia il posto al giorno, nel chiarore dell'alba, attraverso una nuvola, che biancheggia.

Mi sento in sintonia con" La grande onda",perché,come una barca, affronto onde cariche di positività o negatività della vita. Vado avanti e, anche se vengo rigettata a riva, cerco comunque di remare sempre più  intensamente, recuperare i tratti di mare che avevo conquistato. Vengo scagliata contro gli scogli e capita che venga ferita, danneggiata oppure anche distrutta, ma non mollo, mi riparo, mi ricostruisco più forte e migliore di prima, cercando di imparare dalle disavventure. Vengo travolta di nuovo, ma da onde benefiche, abbondanti di pesci che si raccolgono nella m…

PER TORNARE ALLA LINEA D' OMBRA

Immagine
" Il mondo dei vivi, quale è, non è certo privo di meraviglie e misteri...che influenzano le nostre emozioni e la nostra intelligenza in modi così inspiegabili da giustificare quasi il concetto della vita come di una condizione incantata." Così Joseph Conrad inizia a raccontare la sua avventura nel mare della vita, dove la ricerca di sé  e del significato dell'esistenza si perdono e si ritrovano nelle albe e nei tramonti infiniti .
prof.ssa Angela Panigoni


Tra le pagine del romanzo respiriamo un senso di libertà dove la nave e il mare sono uno stile di vita, diventano il motivo di vita. "Scoprii quanto fossi marinaio, un uomo esclusivamente di navi e mare: il mare, il solo mondo che contasse  e le navi, la verifica di verilità, indole, coraggio e fedeltà - e amore" Il protagonista al comando della sua nave ci conduce verso l'ignoto. "Intorno alla nave era sorta l'oscurità... Neppure un suono. La mia nave avrebbe potuto essere un pianeta lanciato nel suo …

STORIA DI UN RAPPER

Immagine
Vittorio Bos Andrei, in arte Cranio randagio, era un artista che si faceva definire "pseudo rapper paranoico". Nato a Roma si trasferisce a Milano dove muore all'età di 22 anni per overdose, praticamente preannunciata dal testo di una sua canzone: "Chiedo un'iniezione che mi porti all'overdose". 
Lui  era devastato nell'animo, ma prima di morire realizzò una canzone "Petrolio" che racchiude la sua vita, la sua rabbia, il suo bisogno di fare musica, il suo talento nel farla, il suo non voler cambiare, sentendo allo stesso tempo la pressione di chi" ti fa sentire un fallito". "E cantami il tuo nuovo pezzo, mi diceva mamma, mentre singhiozzava nella stanza, mi chiedeva di portarle il testo, che non mi capiva poverina,aveva testa altrove, affitto e la benzina." Vittorio, sommerso dalle sue domande esistenziali, tra le difficoltà quotidiane, si ritrova solo. "Io che mi detesto perché ho perso anche le tracce di me stesso&qu…

LEGGENDO ACCIAIO

Immagine
Leggendo Acciaio.....

La storia si svolge a Piombino e le vicende raccontate riguardano, in particolare, due giovani ragazze Anna e Francesca.
Piombino vive nell'ombra di un'enorme acciaieria, che è  fonte di lavoro per molte persone, tra cui alcuni ragazzi, personaggi del romanzo. L'acciaieria produce molto inquinamento, il fumo nero che esce dai forni contamina ogni giorno l'aria, rendendola irrespirabile. La fabbrica contribuisce al degrado non solo ambientale, ma anche umano, la realtà lavorativa è dura: i ritmi degli orari di lavoro logoranti,  i ragazzi bruciano la loro gioventù dentro a quella fabbrica. Anna e Francesca vivono in questo contesto un'esistenza non semplice, in continuo contrasto con i genitori . Insieme, però, sanno che possono combattere ogni paura, legate come sorelle hanno un sogno: andare a visitare l'isola d'Elba, luogo fantastico che si vede in lontananza, ma qualcosa muta nel corso dei giorni e le due amiche tendono ad allontanarsi. …

STORIE DI GIOVANI

Immagine
Crescere, attraverso la notte, 
superare la linea d'ombra ed uscire alla luce, 
per trovare la propria identità.
Nati per la seconda volta, per scelta, 
dopo il dono ricevuto, 
finalmente "essere" al mondo e non solo "venuti" al mondo.
prof.ssa Angela Panigoni


Storie di giovani in cui ritrovarsi tra le pagine di un libro.

testi:

La solitudine dei numeri primi (Paolo Giordano)

Acciaio (Silvia Avallone)

Marina Bellezza (Silvia Avallone)

La linea d'ombra (Joseph Conrad)


POESIE ISPIRATE DA "LA NOTTE"

Immagine
Poesie create dagli alunni di 2^F usando versi estrapolati da poesie in cui il tema principale è "La notte"


1 Nella notte lunghe tenebre calano sull’universo e mentre dormi i segreti, dentro al tuo cuore, si rivelano alla notte stellata e in quel momento la terra sembra un paese più civile.
Solo chi vive di notte può vivere l’avventura di una rinnovata felicità. (To.Giulia)
2 Seduta in solitario su di una collina, sotto un albero, ai piedi,la città.
È bella, di notte, la città, c’è pericolo, ma pure libertà.
È silenziosa, di notte, la città e mentre tutto tace, mi preparo alla vita. (B.Greta)
3 Un’afflitta solitudine pervade il mio animo ed è quella stessa solitudine che mi fa vagare con i miei pensieri in cerca del senso della vita.
Oh superba notte, tu illumini il mio cammino, i miei sogni sono tuoi, perché tu e solo tu mi fai sognare.
Oh falce di luna, tu che vivi nella notte consolami.
Io che piango di disperazione mi attacco alla vita, perché è l’unica cosa che mi rimane, mi perdo in oceanici silenzi a pens…